Le lacrime di una mamma

Una fra le tante cose belle che l’essere prete ti pone di fronte è quella dell’incontro con le persone. Il sacerdote in una comunità si imbatte in  tante persone. Coloro che sono vicini e partecipi alla vita di fede, quello che sono sulla “soglia”, un po’ si e un po’ no, e poi quelli che sono lontani, a volte anche anonimi e difficili da incontrare. Si passa dall’entusiasmo e dal fervore di chi ci crede e desidera il bene per sé e per il prossimo nel seguire il Signore, per arrivare fino alla indifferenza di altri che non vedono così significativa la figura di Gesù e quella della Chiesa. Un panorama vario e variegato, nel quale il parroco è immerso e dal quale riceve opportune provocazioni e anche tante belle occasioni di crescita. Mi è capitato più volte, anche recentemente, di essere difronte ad una esperienza che tocca sempre. Cioè quella delle lacrime di una mamma. Vedere una mamma che piange per i propri figli fa percepire l’intensità e la passione di un amore. Una mamma può piangere per i propri figli per tanti motivi: per la salute, per il fatto che si comportano in modo diverso dalle loro aspettative, perché hanno perso per strada la vita di fede e vivono senza Dio, e poi per chissà quali altri motivi. Ma vedere il volto di una mamma solcato dalle lacrime lascia una impronta nel cuore. Ti accorgi che questa donna per i propri figli darebbe tutto sé stessa, che si accolla oltre agli impegni ordinari della vita anche la straordinarietà dei pensieri e delle azioni che la fatica del figlio portano con sé. Ti accorgi che la parola “amore” diventa concretezza, carne e sangue, cuore e passione. Che in quei momenti una mamma diventa capace di profondere energie e attenzioni che superano l’immaginazione. Poi a volte siccome sono mamme, ma anche umane, si fanno prendere dal peso della situazione e piangono. A volte in casa da sole e a volte, senza aver paura di farsi vedere, anche davanti agli altri. Vedendo le lacrime delle nostre mamme, penso a quelle della Madonna, che ha avuto non poche sofferenze guardando a suo Figlio Gesù, specialmente sotto la Croce. La Madonna che spesso ha pianto in alcune apparizioni per il dolore che i suoi figli, cioè noi, diamo a Lei come Madre e a Dio come Padre. Lacrime che chiedono e domandano il cambiamento e la conversione. Lacrime che dicono un amore più forte della prova. Un amore bello e intenso.  don Luca