Ricolmati dei suoi doni

Sabato 21 Maggio è stato conferito nel pomeriggio il Sacramento della Cresima ad un gruppo di ragazzi della nostra Comunità Pastorale. La celebrazione dei Sacramenti è sempre occasione di Grazia per chi li riceve, per le famiglie che accompagnano questi ragazzi e per tutta la Comunità. E’ sempre utile riscoprire cosa sono i Sacramenti e in special modo quello della Cresima (detto anche Confermazione). Nella definizione classica i Sacramenti sono i segni visibili ed efficaci della grazia invisibile di Cristo. In ciascuno di essi è lo stesso Signore Risorto che opera attraverso il ministro, agendo nella vita del credente, che riceve il dono di una nuova dignità e di una nuova grazia santificante per opera dello Spirito Santo. Con il Sacramento siamo messi dentro una dimensione di Grazia che ci supera e ci avvolge. Questo nel desiderio di Dio Padre di donarci una realtà che in noi è capace di operare e di metterci in condizione di cercare e ricevere ciò che per noi è giusto, bello e buono. Il tutto nella osservanza della volontà di Dio, e quello che Dio vuole per noi è sicuramente una realtà bella e importante. Nell’esempio concreto della Cresima, il Signore dona al candidato i sette doni dello Spirito Santo; Sapienza, Intelletto, Scienza, Consiglio, Fortezza, Pietà e Timor di Dio. Doni che investono principalmente le scelte che il cristiano è chiamato a fare nella sua vita.

E’ bello sapere che lo Spirito Santo ci sostiene nel percorso, attraente ma allo stesso tempo impegnativo, delle opzioni che la nostra libertà ci chiede di porre in atto. Devo fare una scelta fra impegno e disimpegno, fra perdono o rancore, fra vivere la fede o ritirarmi su un qualunquismo sciapo e inconcludente … sono queste alcune delle situazioni dove siamo chiamati a prendere delle definizioni. Ebbene lo Spirito Santo ci assiste e ci accompagna. I doni che il buon Dio ci ha dato con la Cresima non hanno scadenza… sono sempre validi ed efficaci. Mi da l’impressione che molto spesso ci si dimentichi che i doni del Signore sono realtà vive e vivificanti. I doni dello Spirito Santo vengono derubricati a cose del catechismo per la Cresima e poco più, quando invece hanno la loro bellezza e attualità nel mio presente. I Sacramenti non sono “cose” da fare ma doni da vivere. E’ Grazia che scaturisce dal mistero pasquale e che ci viene data per la vita. Non avremo più bisogno dei doni dello Spirito Santo, dell’Eucarestia, e degli altri Sacramenti solo quando saremo in Paradiso, perché lì saremo già al cospetto di Colui che in questa vita ci riversa il suo Amore e la sua Grazia.                                          don Luca